Loading...

Rotary Club

INDIRIZZO

Via Sabadell 1   13900 Biella



TELEFONO

+39 015 33872



EMAIL

segreteria@rotarybiella.it



SITO WEB

www.rotarybiella.it

Rotary Club

Fu nella primavera del 1937 che sorse l’idea di promuovere la costituzione di un Rotary Club a Biella: un apposito comitato svolse le pratiche necessarie con il Rotary International e il 28 settembre 1937 ebbe luogo una prima riunione dei Soci fondatori al fine di reciproca informazione.
La Fondazione del Rotary Club BiellaMartedì 9 novembre 1937 ha avuto luogo in una sala del Circolo Sociale la riunione costitutiva del Rotary Club di Biella con la presenza del Segretario Generale del 46° Distretto del Rotary Internazionale Avv. Achille Boni di Milano, delegato del Governatore Co. Paolo Ruggeri Laderchi, Generale di Corpo d’Armata, impedito a intervenire di persona. Erano inoltre presenti autorità della provincia e alcuni soci dei Club viciniori di Milano e Torino.
Il Certificato di ammissione è stato emesso dalla Segreteria del Rotary Internazionale in data 28 novembre 1937 con il numero 4483. E’ importante rilevare che il Club di Biella è stato tra i primi Rotary Club formatisi in Italia nel primo periodo di quattordici anni dalla fondazione del Club primogenito di Milano. Esso fece parte allora dell’unico Distretto italiano, il 46°, e risultò essere il trentatreesino Club in Italia, il quarto in Piemonte (dopo Torino, Cuneo e Novara) e il secondo in Italia in città non capoluogo di provincia (dopo S.Remo).
Alla data di fondazione del Club di Biella il Rotary esisteva in 74 paesi del mondo con 4279 Clubs e 184.166 soci. I soci fondatori furono diciannove e precisamente: Barbisio Eligio, Becchio Galoppo Felice, Bubani Lino, Buratti Guglielmo, Converso Mario, Fogliano Alberto, Garbaccio Leone, Garlanda Edoardo, Halenke Leopoldo, Machetto Albino, Maggia Federico, Migliau Italo, Rivetti Oreste, Segrè Emanuele, Sella Andrea, Sella Ernesto, Serralunga Giuseppe, Sormano Riccardo, Vinay Andrea. Il primo consiglio direttivo del Club è risultato costituito da: Presidente On. Leone Garbaccio; Vice Presidente Giuseppe Serralunga; Segretario Rag. Emanuele Segre; Tesoriere Dott. Ernesto Sella; Consiglieri Dott. Felice Becchio Galoppo (prefetto) e Cav. Oreste Rivetti.
Alla fine del 1938 i Rotary Club italiani cessarono la loro attività per deliberazione del Consiglio Nazionale presieduto dal Governatore Sen. Gr. Cr. Cav. del Lavoro Attilio Pozzo. Così scriveva l’organo ufficiale dei Rotary d’Italia nel numero di dicembre: “Lo spirito di profonda comprensione della nostra particolare posizione sociale e il sentimento di assoluta cordialità che sampre hanno caratterizzato la condotta del Rotary Internazionale in tutti i suoi rapporti con il Rotary Italiano, hanno pure ispirato le accoglienze che la nostra decisione di scioglimento ha trovato nel seno della grande associazione mondiale alla quale abbiamo cessato col 31 dicembre di appartenere”.
L’ultima riunione del Club di Biella venne tenuta il 20 dicembre 1938 in un clima di grande tristezza e commozione.
Finalmente nel dopoguerra, venute ormai a mancare le cause che ne avevano provocato lo scioglimento, i Club sono man mano risorti. Il Club di Biella è stato ricostituito nell’autunno del 1948 ed ha ripreso in pieno l’attività il 15 gennaio 1949 con 29 soci compresi 6 fondatori del 1937.
Federico Maggia – Aprile 1987

INDIRIZZO

Via Sabadell 1   13900 Biella



TELEFONO

+39 015 33872



EMAIL

segreteria@rotarybiella.it



SITO WEB

www.rotarybiella.it

Rotary Club

Fu nella primavera del 1937 che sorse l’idea di promuovere la costituzione di un Rotary Club a Biella: un apposito comitato svolse le pratiche necessarie con il Rotary International e il 28 settembre 1937 ebbe luogo una prima riunione dei Soci fondatori al fine di reciproca informazione.
La Fondazione del Rotary Club BiellaMartedì 9 novembre 1937 ha avuto luogo in una sala del Circolo Sociale la riunione costitutiva del Rotary Club di Biella con la presenza del Segretario Generale del 46° Distretto del Rotary Internazionale Avv. Achille Boni di Milano, delegato del Governatore Co. Paolo Ruggeri Laderchi, Generale di Corpo d’Armata, impedito a intervenire di persona. Erano inoltre presenti autorità della provincia e alcuni soci dei Club viciniori di Milano e Torino.
Il Certificato di ammissione è stato emesso dalla Segreteria del Rotary Internazionale in data 28 novembre 1937 con il numero 4483. E’ importante rilevare che il Club di Biella è stato tra i primi Rotary Club formatisi in Italia nel primo periodo di quattordici anni dalla fondazione del Club primogenito di Milano. Esso fece parte allora dell’unico Distretto italiano, il 46°, e risultò essere il trentatreesino Club in Italia, il quarto in Piemonte (dopo Torino, Cuneo e Novara) e il secondo in Italia in città non capoluogo di provincia (dopo S.Remo).
Alla data di fondazione del Club di Biella il Rotary esisteva in 74 paesi del mondo con 4279 Clubs e 184.166 soci. I soci fondatori furono diciannove e precisamente: Barbisio Eligio, Becchio Galoppo Felice, Bubani Lino, Buratti Guglielmo, Converso Mario, Fogliano Alberto, Garbaccio Leone, Garlanda Edoardo, Halenke Leopoldo, Machetto Albino, Maggia Federico, Migliau Italo, Rivetti Oreste, Segrè Emanuele, Sella Andrea, Sella Ernesto, Serralunga Giuseppe, Sormano Riccardo, Vinay Andrea. Il primo consiglio direttivo del Club è risultato costituito da: Presidente On. Leone Garbaccio; Vice Presidente Giuseppe Serralunga; Segretario Rag. Emanuele Segre; Tesoriere Dott. Ernesto Sella; Consiglieri Dott. Felice Becchio Galoppo (prefetto) e Cav. Oreste Rivetti.
Alla fine del 1938 i Rotary Club italiani cessarono la loro attività per deliberazione del Consiglio Nazionale presieduto dal Governatore Sen. Gr. Cr. Cav. del Lavoro Attilio Pozzo. Così scriveva l’organo ufficiale dei Rotary d’Italia nel numero di dicembre: “Lo spirito di profonda comprensione della nostra particolare posizione sociale e il sentimento di assoluta cordialità che sampre hanno caratterizzato la condotta del Rotary Internazionale in tutti i suoi rapporti con il Rotary Italiano, hanno pure ispirato le accoglienze che la nostra decisione di scioglimento ha trovato nel seno della grande associazione mondiale alla quale abbiamo cessato col 31 dicembre di appartenere”.
L’ultima riunione del Club di Biella venne tenuta il 20 dicembre 1938 in un clima di grande tristezza e commozione.
Finalmente nel dopoguerra, venute ormai a mancare le cause che ne avevano provocato lo scioglimento, i Club sono man mano risorti. Il Club di Biella è stato ricostituito nell’autunno del 1948 ed ha ripreso in pieno l’attività il 15 gennaio 1949 con 29 soci compresi 6 fondatori del 1937.
Federico Maggia – Aprile 1987