Loading...

La Compagnia di San Paolo 1563-2013

Premio speciale della giuria

Opera:
La Compagnia di San Paolo 1563-2013
Casa editrice:
Einauidi
Opera

I due volumi delineano la storia dell’istituzione torinese attraverso i quattrocentocinquant’anni della sua poliedrica attività, di ente filantropico e religioso e insieme creditizio e finanziario.

“Il San Paolo è qualcosa che generazioni e generazioni di torinesi e piemontesi - e lì ci arrestiamo - hanno sempre saputo che cosa fosse, e forse non soltanto perché era sempre stato lì, sin dal momento in cui la città era diventata una capitale.

Il lavoro che segue, concepito e preparato in un quinquennio, ha avuto lo scopo di riportare l'attenzione degli studiosi su un terreno di indagine così ampio, in latitudine e longitudine, come quello della storia della Compagnia di San Paolo. In particolare, la Compagnia ha così dato attuazione al desiderio di vedere esplorato e utilizzato l'Archivio storico - la cui gestione è oggi affidata alla Fondazione 1563 per l'arte e la cultura, ente strumentale della Compagnia medesima - e le molte risorse documentarie non ancora studiate che esso conserva, al fine di comporre, con la collaborazione di varie decine di studiosi, un tracciato critico e narrativo della vicenda di un istituto tanto complesso. Non soltanto, infatti, la vicenda della Compagnia è stata osservata con gli strumenti della storia politica, di quella religiosa, di quella sociale, dell'assistenza e della formazione, di quella finanziaria e del credito, artistica e architettonica, delle istituzioni e del diritto e via enumerando, ma essa offre occasioni di approfondimento su strutture e caratteri salienti della storia di un territorio, stabilmente centrato su Torino, ma dalla geografia in estensione con il passare degli anni.

In altre parole, la storia della Compagnia è anche una storia di lungo periodo della società torinese e dintorni. Non è invece una storia celebrativa. Più volte, nello corso della sua storia, l'istituzione dedicata a San Paolo ha sentito il bisogno di attestare in forma scritta le vicende della sua nascita, gli accadimenti del suo sviluppo, soprattutto lo spirito del suo operato. Come accade nelle organizzazioni, la scrittura di un'autobiografia istituzionale è al tempo stesso un atto di legittimazione verso l'esterno e un esercizio di paideia verso l'interno. Questa storia della Compagnia non assolve pertanto ad alcuna intenzionalità celebrativa o politica, se non a quella che considera il discorso storico, fatta con i mezzi del metodo scientifico ed esposta con quelli di una narrazione interessante, uno strumento di crescita culturale e di maturazione civile. Forse, anche, di diletto. Gli studiosi che hanno lavorato a quest'opera non hanno ricevuto dalla Compagnia altro mandato”.

dalla Prefazione di Sergio Chiamparino


Autore

Walter Barberis , Anna Cantaluppi

Walter Barberis insegna Storia moderna e Metodologia della ricerca storica presso l'Università di Torino. Ha pubblicato numerosi studi sulla formazione delle classi dirigenti in età moderna e, in particolare, Le armi del Principe. La tradizione militare sabauda (Einaudi, 1988 e 2003). Ha curato la Storia d'Europa Einaudi, Il libro del Cortegiano di Baldesar Castiglione (Einaudi, 1998), l'Annale della Storia d'Italia 18. Guerra e pace (Einaudi, 2002) e I Savoia (Einaudi, 2007). Ha pubblicato il saggio Il bisogno di patria (Einaudi, 2004 e 2010)

Anna Cantaluppi, curatrice dell’Archivio storico della Compagnia di San Paolo presso la Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura a Torino . Accanto all’attività di organizzazione e sviluppo dell’Archivio svolta da oltre venticinque anni, mediante l’acquisizione costante di nuovi fondi, il loro ordinamento e l’apertura al pubblico, promuove la ricerca in particolare attraverso la collana dei «Quaderni dell’Archivio storico». Ha curato l’edizione moderna della secentesca Istoria della Compagnia di San Paolo di Emanuele Tesauro (Torino 2003) e, con altri, il volume Le figlie della Compagnia (Torino 2011) dedicato alle istituzioni educative femminili tra età moderna e contemporanea.

Altre opere Edizione 2014